L’ecografia nel ginocchio artrosico

Nel ginocchio artrosico, la cui diagnosi è sostanzialmente clinica e radiografica, le metodiche di diagnostica per immagini come la Risonanza Magnetica (foto) e l’ecografia possono dare un contributo per una migliore visualizzazione dell’articolazione. L’ecografia segnatamente consente di valutare con Paziente supino a ginocchio flesso: i tendini quadricipitale e rotuleo, la presenza di eventuale versamento all’interno dell’articolazione[…]

Ecografia di spalla. Quando?

Molto spesso in seguito a dolore o impotenza funzionale post traumatica, viene richiesto dal medico curante (o dal Paziente stesso) di eseguire una ecografia della spalla come primo esame, “perchè sicuramente non è rotta, e coi raggi non si vede niente” oppure “perchè voglio vedere i tendini” (cit). In realtà il corretto approccio diagnostico  prevederebbe[…]

L’ecografia delle anse intestinali

Mediante l’ecografia è possibile eseguire uno studio mirato delle anse intestinali , solitamente su richiesta da parte di un gastroenterologo. E’ infatti una tipologia di esame che di norma viene effettuata per indagare le malattie infiammatorie dell’intestino (morbo di Crohn, colite ulcerosa, diverticolosi del colon) anche a scopo diagnostico, ma prevalentemente per il monitoraggio di tali[…]

L’ecografia nelle lesioni muscolari

Le lesioni muscolari possono essere conseguenti a sovraccarico cronico o a brusca contrazione muscolare. A livello degli arti inferiori le sedi più colpite sono i flessori della coscia, il retto femorale, gli adduttori ed i gemelli . Le lesioni muscolari si possono dividere clinicamente ed ecograficamente in tre gradi : nelle lesioni di grado I[…]

Studio dinamico dei tendini

Giovane ginnasta con piccola tumefazione del palmo della mano insorta da qualche mese, non dolente. Lo studio ecografico consente di evidenziare una piccola cisti e di verificarne i rapporti con il tendine flessore del III dito. Uno dei vantaggi dell’ecografia è di poter eseguire una valutazione dinamica, visualizzando lo scorrimento tendineo durante le manovre di[…]

Preparazione ecografia addominale (addome superiore)

Lo studio ecografico dell’addome superiore comprende la valutazione del fegato, delle vie biliari intraepatiche e della colecisti, del pancreas, della milza e dei reni. Non è necessaria alcuna preparazione particolare, se non il digiuno, preferibilmente da circa 6 ore. In alcuni casi l’eccessivo contenuto gassoso intestinale (meteorismo) può ostacolare la corretta visualizzazione degli organi addominali,[…]

Ecografia tiroidea

L’ecografia tiroidea è un esame semplice, rapido, non doloroso e non invasivo. Non è necessaria alcuna preparazione particolare. Permette di valutare la morfologia della ghiandola tiroide, capire se è aumentata di volume (gozzo tiroideo), se sono presenti noduli all’interno della stessa, determinandone le caratteristiche principali, oppure se sono apprezzabili eventuali segni di infiammazione della ghiandola[…]

L’alluce doloroso: la sesamoidite negli atleti 

Il dolore plantare sotto l’alluce può riconoscere varie cause. Frequenti negli atleti sono le cosiddette ‘sesamoiditi’ cioè infiammazioni nella sede di due piccole ossa accessorie,  i sesamoidi, il cui ruolo è quello di costituire una guida per lo scorrimento del tendine flessore del primo dito. L’alluce doloroso negli sportivi è evocato da uno spettro di[…]

Ecografia della spalla operata?

Nella spalla operata che permane dolorosa, o che presenta difficoltà nel recupero della forza e dei movimenti nonostante l’adeguata fisioterapia, l’ecografia rappresenta una buona scelta diagnostica. E’ possibile infatti visualizzare agevolmente la struttura dei tendini operati, riconoscendo eventuali nuove lesioni o complicanze infiammatorie,  e documentare la presenza e soprattutto la sede corretta del materiale ortopedico[…]