Ecografia nello studio dell’ernia inguinale

Spesso viene richiesta l’ecografia per la diagnosi differenziale di dolore e/o tumefazione inguinale. Tra le diverse cause, un ruolo importante può avere l’ernia inguinale, cioè la protrusione di una porzione dell’intestino attraverso una zona di relativa debolezza della parete addominale.

L’ecografia è in grado di diagnosticare tale condizione, anche grazie alla possibilità di studiare il Paziente in piedi, facendogli compiere determinate manovre (il classico colpo di tosse o la contrazione della muscolatura addominale) per aumentare la pressione intra-addominale ottenendo così valutazioni dinamiche che riguardano la possibile ‘riducibilità’ dell’ernia.

ernia-inguinale.jpg

L’ecografia oltre alla diagnosi, permette anche una valutazione delle eventuali complicanze dell’ernia inguinale, come segni di sofferenza dell’ansa intestinale erniata,  presenza di linfonodi loco-regionali, e falde liquide addominali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *